domenica 16 dicembre 2012

IL PARADOSSO DEGLI ANTIDEPRESSIVI: POSSONO AGGRAVARE LA DEPRESSIONE






Paradossalmente alcune tra le più diffuse classi di antidepressivi utilizzati anche in Italia possono aggravare la depressione stessa e provocare effetti avversi anche gravi. 
È quanto emerge da uno studio dei ricercatori canadesi della McCaster University.

La ricerca è stata effettuata paragonando gli effetti dei più moderni e diffusi antidepressivi, gli “inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina” (SSRI) ad un gruppo trattato con placebo. I livelli di serotonina alterati dai farm
aci possono produrre tutta una vasta gamma di effetti indesiderati: dai problemi digestivi a effetti collaterali più seri come difficoltà nella sfera sessuale, ictus e morte prematura.  
Pochi tra gli psicofarmaci esaminati nello studio offrono benefici per la maggior parte delle persone affette da depressione da lieve a moderata, mentre offrono un aiuto attivo soltanto ad alcuni tra i pazienti più gravemente depressi.

Dallo studio è poi emerso che gli antidepressivi SSRI interferiscono con l’attività cerebrale, lasciando il paziente vulnerabile ad una depressione di 'rimbalzo' che spesso si presenta con intensità ancora maggiore rispetto a prima dell’inizio della terapia.

I farmaci SSRI inoltre possono interferire con tutti i processi fisici che sono di norma regolati dalla serotonina: per esempio, quantità significative di questa sostanza sono presenti nell’intestino, in quanto essa è utilizzata per controllare la regolarità della digestione, formare coaguli di sangue nei punti di cicatrizzazione e anche regolare la riproduzione e la crescita dell’organismo, equesta è la ragione per la quale queste classi di psicofarmaci possono causare problemi di sviluppo nei minori.



FONTE: informasalus.it



Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email