giovedì 16 settembre 2010

ESCOZUL: QUANDO LE IENE NON FANNO LE IENE

Stasera è andato in onda  un servizio delle Iene di Italia Uno  su un bio preparato naturale cubano che viene utilizzato nelle malattie oncologiche.

Il prodotto in questione si chiama Escozul ed è un derivato dallo scorpione azzurro, il Rophalurus junceus.
La storia dell' Escozul comincia nel 1985 quando Misael Bordier, un biologo cubano, scopre le proprietà antitumorali del prodotto utilizzato fino a quel momento come antinfiammatorio e antidolorifico.

Diverse testimonianze su Internet fanno pensare all'Escozul come ad un prodotto che migliora la qualità della vita e che, in alcuni casi,  porta a miglioramenti visibili delle condizioni generali di chi lo assume.
Il primo articolo che in Italia si occupa del prodotto è del Corriere della Sera in cui alcune persone raccontano le loro esperienze su Escozul.



http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/GdM_dallapuglia_NOTIZIA_01.php?IDNotizia=366668

Da quel momento su Internet è scoppiato "il caso Escozul" ... diversi forum hanno iniziato a parlarne e le persone citate nell'articolo hanno dato versioni diverse: qualcuno di loro ha giurato di averlo ricevuto con una spedizione  da Cuba, qualcun altro ha smentito tale opportunità escludendo la possibilità che il bio preparato possa essere  spedito e asserendo che l'unico modo per ottenere Escozul sia quello di andare presso i Laboratori Labiofam a La Havana.

Effettivamente la dottoressa Cruz, responsabile dell'èquipe medica cubana , ha  sempre escluso la possibilità che Escozul venga spedito, denunciando la truffa di chi promette l'invio del  prodotto, dietro pagamento di denaro.

Gruppi su Facebook... accesissimi dibattiti sui vari forum con attacchi ed accuse reciproche tra i
"pionieri "italiani di Escozul ...che nel frattempo, dopo aver raccontato le loro storie, si offrivano di aiuatre altri a reperire il prodotto..L'uno accusava l'altro di essere un truffatore, millantando contatti inesistenti (??)con Cuba... Il prodotto viene spedito o no? Esiste un canale alternativo "non ufficiale"?
Il prodotto verrà presentato ufficialmente e commercializzato? E se si, quando?
Alcuni pazienti ed associazioni di malati contattano le Iene  per fare chiarezza  su questa faccenda e per avere risposte chiare in merito al reperimento di Escozul...

Il risultato qual'è stato?
LE IENE NON HANNO FATTO LE IENE....
Un inutile servizio su Escozul .... nessuna chiarezza e ancora tanta confusione che regna e regnerà in rete.
Le domande rimaste irrisolte e  altri interrogativi sorti...
E non solo, Giulio Golia ha condotto il servizio con superficilità e con atteggiamento prevenuto, sottolineando più volte la non scientificità del prodotto e dimostrando ottusità anche di fronte a numerose testimonianze positive..

Le Iene sono intervenute in questo  acceso e controverso dibattito su un argomento così delicato, recandosi addirittura a Cuba e intervistando una dottoressa, ma non riuscendo minimamente a trovare il bandolo
dell' intricatissima matassa.
Al prossimo post...
Monica

5 commenti:

  1. non ho capito da ciò che hai scritto se sei pro o contro escozul, io lo scopro ora alla disperata ricerca di un aiuto per mia madre

    RispondiElimina
  2. Ciao Helga..
    Escozul può rappresentare un sostegno importante per chi si trova ad affrontare questa malattia che conosco da vicino..
    Se leggi gli altri post, capirai che sono favorevole all'uso di questo bio preparato, anche se ritengo che il cancro sia una malattia multifattoriale e come tale va affrontata percorrendo più di una strada..
    La via maestra è l'alimentazione, argomento che tratterò quanto prima in questo blog.
    Ma non solo... l'organismo va sostenuto con supplementi di vitamine e immunostimolanti...
    Diffida da chi vuole venderti Escozul..
    L'unico modo per ottenere questo prodotto (che non fa i miracoli ma può essere di grande aiuto)
    è recarsi a Cuba, alla Labiofam.
    Un in bocca al lupo dal cuore...
    A presto,
    Monica

    RispondiElimina
  3. ciao Monica
    mi chiamo Michele e vivo in puglia,precisamente a ruvo di puglia (70037),
    ho mio padre che ha un cancro alla prostata e questo da parecchi anni,ultimamente hanno dovuto aggiungere degli antidolorifici perche la notte non riusciva a dormire dai forti dolori che secondo me sono da attribuire alla malattia,ha 84 anni e non siamo benestanti da poterci permettere di andare a Cuba,c'è una possibilità che qualcuno che va a Cuba possa portarne anche per mio padre?naturalmente posso mostrare tutta la documentazione che certifica il male che lo fa soffrire da anni

    RispondiElimina
  4. Ciao Michele,
    questo è un blog informativo che ha lo scopo di divulgare notizie che difficilmente riescono a passare nei tradizionali mezzi di comunicazione..
    Attualmente su questo blog non è arrivata alcuna segnalazione di persone che abbiano espresso l'intenzione di recarsi a Cuba per reperire il prodotto.
    Qualora ne dovesse arrivare qualcuna, sarà mia cura pubblicarla sul blog.
    Un caro saluto ed un in bocca al lupo
    Monica

    RispondiElimina
  5. grazie Monica
    per la gentile risposta,sarà anche mia premura continuare a cercare.
    Cari saluti anche a te e che crepi il lupo
    Michele

    RispondiElimina

Follow by Email